Canzone del Padre

Fabrizio De André

FAVORITE (1 fan)

Fabrizio De André

Fabrizio Cristiano De André (18 February 1940 - 11 January 1999) was an Italian singer-songwriter. Known for his sympathies towards anarchism, libertarism and pacifism, his songs often featured marginalized and rebellious people, gypsies, prostitutes and knaves, and attacked the Catholic Church hierarchy hypocrisies. Artistically active for almost 40 years and the author of thirteen studio albums, he is renowned for the quality of his lyrics and often considered a poet. He contributed to the valorization of the languages of Italy, most notably Ligurian and, to a lesser extent, Sardinian, Gallurese and Neapolitan. Following his early death several streets, places, parks, schools and public libraries were named after him. more »


Year:
2006
5:14
2 Views

 Become A Better Singer In Only 30 Days, With Easy Video Lessons!

Vuoi davvero lasciare ai tuoi occhi 
Solo I sogni che non fanno svegliare"

"Sì, Vostro Onore, ma li voglio più grandi" 

"C'è lì un posto, lo ha lasciato tuo padre
Non dovrai che restare sul ponte 
E guardare le altre navi passare
Le più piccole dirigile al fiume 
E più grandi sanno già dove andare" 

Così son diventato mio padre 
Ucciso in un sogno precedente 
Il tribunale mi ha dato fiducia 
Assoluzione e delitto lo stesso movente

E ora Berto, figlio della Lavandaia
Compagno di scuola, preferisce imparare 
A contare sulle antenne dei grilli 
Non usa mai bolle di sapone per giocare
Seppelliva sua madre in un cimitero di lavatrici 
Avvolta in un lenzuolo quasi come gli eroi
Si fermò un attimo per suggerire a Dio di continuare a farsi i fatti suoi 
E scappò via con la paura di arrugginire 
Il giornale di ieri lo dà morto arrugginito
I becchini ne raccolgono spesso 
Fra la gente che si lascia piovere addosso.

Ho investito il denaro e gli affetti 
Banca e famiglia danno rendite sicure 
Con mia moglie si discute l'amore 
Ci sono distanze, non ci sono paure
Ma ogni notte lei mi si arrende più tardi 
Vengono uomini, ce n'è uno più magro
Ha una valigia e due passaporti
Lei ha gli occhi di una donna che pago 

Commissario io ti pago per questo
Lei ha gli occhi di una donna che è mia
L'uomo magro ha le mani occupate
Una valigia di ciondoli, un foglio di via

Non ha più la faccia del suo primo hashish 
È il mio ultimo figlio, il meno voluto
Ha pochi stracci dove inciampare 
Non gli importa d'alzarsi, neppure quando è caduto
E i miei alibi prendono fuoco 
Il Guttuso ancora da autenticare 
Adesso le fiamme mi avvolgono il letto 
Questi i sogni che non fanno svegliare 

Vostro Onore, sei un figlio di troia
Mi sveglio ancora e mi sveglio sudato
Ora aspettami fuori dal sogno 
Ci vedremo davvero
Io ricomincio da capo

 Watch: New Singing Lesson Videos Can Make Anyone A Great Singer

Written by: Giuseppe Bentivoglio, Fabrizio De Andre, Nicola Piovani

Lyrics © Universal Music Publishing Group

Lyrics Licensed & Provided by LyricFind

Discuss the Canzone del Padre Lyrics with the community:

0 Comments

    Citation

    Use the citation below to add these lyrics to your bibliography:

    Style:MLAChicagoAPA

    "Canzone del Padre Lyrics." Lyrics.com. STANDS4 LLC, 2021. Web. 3 Dec. 2021. <https://www.lyrics.com/lyric/9975879/Fabrizio+De+Andr%C3%A9>.

    Missing lyrics by Fabrizio De André?

    Know any other songs by Fabrizio De André? Don't keep it to yourself!

    Watch the song video

    Canzone del Padre

    379.8K
    1,616     68

    Browse Lyrics.com

    Our awesome collection of

    Promoted Songs

    »

    Quiz

    Are you a music master?

    »
    Which of Amy Winehouse's songs won a Grammy award for best song?
    • A. Love Is A Losing Game
    • B. Valerie
    • C. Rehab
    • D. Back to Black

    Free, no signup required:

    Add to Chrome

    Get instant explanation for any lyrics that hits you anywhere on the web!

    Free, no signup required:

    Add to Firefox

    Get instant explanation for any acronym or abbreviation that hits you anywhere on the web!

    Fabrizio De André tracks

    On Radio Right Now

    Loading...

    Powered by OnRad.io


    Think you know music? Test your MusicIQ here!